Recensione Grey’s Anatomy 12×14

Meredith si rifà una vita dopo Derek?

Una nuova puntata di Grey’s Anatomy è incentrata sui ripensamenti. Amelia odia la Blake a causa di Derek, ma è costretta a lavorarci insieme e a scoprire che è la migliore specializzanda, Meredith odia Jo perché teme che possa ferire il suo migliore amico Alex, come le sue ex, ma è costretta a scusarsi con lei per essersi comportata male, Amelia odia Riggs perché Hunt lo odia, ma scopre in lui un uomo simpatico e un bravissimo chirurgo, infine April non vuole dire a Jackson del bambino, ma cambierà idea grazie alle pressioni di Alex e della Robbins.

Grey's AnatomyInsomma, questi sono gli intrighi delle relazioni personali che popolano il Grey-Sloan Memorial Hospital, che si riempie sempre più di sfaccettature personali. I pazienti e i chirurghi si affezionano gli uni agli altri e come sempre si scambiano consigli privati.
Il maggior focus dell’episodio rimane sulla vera protagonista di questa serie, Meredith, che, come ben ricorderete, nella scorsa puntata (qui la recensione) ha lasciato il suo numero di cellulare al bel dottor Thorpe. Lui la chiama, ma lei ignora le chiamate. Incitata dalla divertentissima metafora della suoneria di Callie e Meggie, arriva al faccia a faccia con Thorpe proprio nel finale della puntata… e tutto lascia presupporre che accetterà di uscire con lui.
Niente di inusuale in questa quattordicesima puntata, che trascina avanti una stagione che è decisamente migliore della precedente, ma che ancora, purtroppo, rimane sullo scontato e sul già visto, con qualche momento di divertimento e ironia, sempre apprezzati in Grey’s.
Ma che cos’è Grey’s Anatomy con una Meredith pronta a rifarsi una vita (e un uomo) dopo Derek??!

Ilaria Polimeni