The Flash 2×09 Running To Stand Still

Recensione The Flash 2×09 Running To Stand Still: è Natale anche a Central City e le sorprese non mancano di certo perchè arrivano da entrambe le Terre.

Le lucine degli alberi si accendono a Central City e i regali non sono le sole sorprese che la città ci regala.

La prima è a casa West: Iris infatti confessa a Barry di avere un fratello, Wally. Come ben sapete Iris non mi piace (per chi segue Doctor Who, possiamo dire che è la mia Clara Oswald) e il farsi carico di segreti che poi non sa mantenere per poi riversarli sulla sua famiglia mi indispone. Capisco l’essere giornalista, ma a volte pare più una pettegola che una reporter.

La seconda è una combo di super cattivi quali Mark Il Mago del Tempo Murdon che si allea con Trickster e Leonard Captain Cold Snart e i tre collaborano per distruggere The Flash.
Ovviamente le cose si complicano ma l’aiuto di Cisco -il migliore della serie- e Jay -che inizia a darsi da fare- è rilevante e sfruttando un passaggio da Terra 1 a Terra 2 fanno esplodere gli esplosivi regali e Barry batte i villains.

Poi c’è Patty Spivot: la bella detective rivela a Barry la ragione per cui ha deciso di entrare un polizia ed è legata a Murdon che la sera dell’esplosione degli STAR Labs, col fratello, ha ucciso il padre di Patty. Per cui si parla sempre di vendetta.
In più le cose nella Barryvot iniziano a non andare troppo bene. Mai una gioia eh Barry!

C’è anche Wells 2.0 che ha una chiaccherata con Zoom e per salvare la figlia decide di tradire la fiducia dello STAR Labs team. Insomma, non importa da che Terra tu venga: se ti chiami Harrison Wells per una ragione o per l’altra finirai col tradire Barry Allen e i suoi amici.
Bella mossa.

Le cose belle di questo episodio sono il bacio tra Jay e Caitlin -gioia e gaudio finalmente- e carrambachesorpresa l’arrivo del fratello di Iris. Evvai!

Il prossimo episodio è Potential Energy. Non perdetela!

Martina Strada