The Flash 2×12 Fast Lane

Recensione The Flash 2×12 Fast Lane: nuovi sviluppi, intrighi e tradimenti a Central City per l’uomo più veloce del mondo!

Un altro episodio è andato e le cose si complicano sempre di più.

Wells rallenta Barry per dare la sua velocità a Zoom, Iris cerca di proteggere Wally e invece le prende e Cisco inventa un’app per rintracciare metaumani.
Non male insomma.

Di per sè è una puntata carina ma lenta rispetto a quelle a cui the fastest man alive ci ha abituato. Sarà che magari anche a sceneggiatori e registi hanno risucchiato la velocità?
Chi lo sa, intanto però troviamo un Barry di nuovo sorridente nonostante la rottura e un Cisco sempre sul pezzo e sempre migliore (apprezzatissima la battuta riguardo al fatto che il miglior hacker di sempre resta Felicity di Arrow).

Iris che non smette di farsi i fatti altrui e chiamatelo come volete (“fato, destino, un cavallo” cit. Rapunzel) ma il vetro nella spalla se l’è meritato tutto. Si chiama KARMA ragazza mia: ti impicci e ti fai male. Così impari. Tiè.the flash 2x12

I rapporti in casa West in compenso si consolidano e Wally finalmente capisce di potersi fidare del padre appena conosciuto e che tutto sommato può smettere di far boiate. Speriamo vada avanti bene il ragazzo nonostante la sua presenza mi ricordi molto quella della sorella e in certi momenti vorrei abbatterlo.

C’è il metaumano di poche parole ma decisamente caliente che Cisco rinomina semplicemente Catrame e che in realtà fa solo da sfondo a questo episodio. Carino ma direi che su cinque stelline ne vince solo due.

E poi abbiamo Wells con dei sensi di colpa -cosa mai vista prima- e sincero. Ebbene sì gente, Harry di Terra 2 (per noi, perchè per lui quella è Terra 1 e avevamo capito alla prima volta ma per convenzione adattati buon uomo!) ha un cuore e a noi fa piacere questa cosa.
Soprattutto perchè la sua ammissione di colpa porterà tutti a fare una bella gita su Terra 2 per salvare Jesse senza rubare più la velocità a Barry.

Team Flash: laboratorio di scienziati, creatori di metaumani e da oggi agenzia di viaggio!
E poi dicono che non ci sa più inventare una professione.

Il prossimo episodio non titola “tutti in gita”, bensì Breakline. Vediamo un po’ cosa ci aspetta allora.

Martina Strada